Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK
SERVIZI ALLE AZIENDESERVIZI AI LAVORATORISERVIZI SPECIALI

ULTIMENEWS



11/01/2018

I fondi per l’autotrasporto del 2018

 

La Legge di Bilancio 2018 conferma lo stanziamento a favore delle imprese di trasporto merci su strada, metà del quale sarà destinato alla riduzione dei pedaggi autostradali.
Anche questa volta le associazioni degli autotrasportatori sono riuscite a difendere i benefici per la categoria dalle consuete minacce di tagli che annualmente emergono alla vigilia della promulgazione della Legge sul bilancio dello Stato. Il testo approvato dal Parlamento mostra uno stanziamento complessivo di 255.612.910 euro nella voce "interventi in materia di autotrasporto", nell'ambito della più ampia voce "Autotrasporto e intermodalità", che mostra uno stanziamento complessivo di 268.098.760 euro (il resto è diviso tra le spese di personale per il programma, circa 4 milioni, e sistemi e servizi di trasporto intermodale, con poco più di otto milioni).
Se lo schema della ripartizione seguirà quello degli anni precedenti, quasi la metà della somma per l'autotrasporto sarà destinata alla riduzione compensata dei pedaggi autostradali, seguita dalle deduzioni forfettarie delle spese non documentate delle imprese artigianali. Somme consistenti dovrebbero andare sia allo sviluppo dell'intermodalità, sia all'acquisto di autoveicoli nuovi poco inquinanti, mentre formazione e recupero della quota per il Servizio Sanitario Nazionale sui premi RCA potrebbero ottenere il resto, che si aggira sulla ventina di milioni per entrambe le voci.



Richiedi maggiori informazioni!


« Indietro